Beba Restelli, Silvana Sperati

A che gioco giochiamo?

10,00 €
Progettare ed offrire buone situazioni di gioco per la famiglia è uno dei doni più sensati che si possano fare, per recuperare l’attitudine verso un tipo di relazione più ricca di bene-essere emotivo per grandi e piccini.Come affermava Munari, “ognuno vede ciò che sa”: da queste
Read more

Progettare ed offrire buone situazioni di gioco per la famiglia è uno dei doni più sensati che si possano fare, per recuperare l’attitudine verso un tipo di relazione più ricca di bene-essere emotivo per grandi e piccini. Come affermava Munari, “ognuno vede ciò che sa”: da queste parole nasce la consapevolezza e il desiderio di fornire ai bambini non solo parole, ma anche esperienze che permettano loro di conoscere veramente le cose. Questo volume descrive l’esperienza dei laboratori per l’infanzia condotti negli anni da Beba Restelli e Silvana Sperati. Attraverso le parole delle autrici e quelle di Bruno Munari, raccolte nel corso di varie interviste, si snoda un viaggio attraverso l’apprendimento e la curiosità dei più piccoli, con il racconto di numerose esperienze sul campo e molti utili suggerimenti pratici. La testimonianza di Alberto Munari, inoltre, si concentra sulla natura e il valore psicologico del gioco e del momento ludico nello sviluppo del bambino, anche in riferimento al panorama degli studi psicologici sull’infanzia nel Novecento. Beba Restelli, allieva e collaboratrice di Bruno Munari, è educatrice e formatrice sul Metodo Bruno Munari®. Socio fondatore dell’Associazione Bruno Munari, fonda nel 1980 il primo Laboratorio privato per la sperimentazione e la divulgazione del Metodo. Silvana Sperati, allieva di Bruno Munari e collaboratrice di Alberto Munari, è socia fondatrice dell’Associazione Bruno Munari. Progetta e conduce laboratori di educazione al pensiero progettuale creativo, e dirige l’unica fattoria didattica Metodo Munari®. Alberto Munari, figlio di Bruno Munari, è psicologo ed epistemologo, specialista dei processi di apprendimento, Professor Emeritus dell’Università di Ginevra e professore ordinario presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Padova. Fu allievo diretto e collaboratore del famoso psicologo svizzero Jean Piaget.


isbn:  978-88-7570-204-5

Description: 

Progettare ed offrire buone situazioni di gioco per la famiglia è uno dei doni più sensati che si possano fare, per recuperare l’attitudine verso un tipo di relazione più ricca di bene-essere emotivo per grandi e piccini. Come affermava Munari, “ognuno vede ciò che sa”: da queste parole nasce la consapevolezza e il desiderio di fornire ai bambini non solo parole, ma anche esperienze che permettano loro di conoscere veramente le cose. Questo volume descrive l’esperienza dei laboratori per l’infanzia condotti negli anni da Beba Restelli e Silvana Sperati. Attraverso le parole delle autrici e quelle di Bruno Munari, raccolte nel corso di varie interviste, si snoda un viaggio attraverso l’apprendimento e la curiosità dei più piccoli, con il racconto di numerose esperienze sul campo e molti utili suggerimenti pratici. La testimonianza di Alberto Munari, inoltre, si concentra sulla natura e il valore psicologico del gioco e del momento ludico nello sviluppo del bambino, anche in riferimento al panorama degli studi psicologici sull’infanzia nel Novecento. Beba Restelli, allieva e collaboratrice di Bruno Munari, è educatrice e formatrice sul Metodo Bruno Munari®. Socio fondatore dell’Associazione Bruno Munari, fonda nel 1980 il primo Laboratorio privato per la sperimentazione e la divulgazione del Metodo. Silvana Sperati, allieva di Bruno Munari e collaboratrice di Alberto Munari, è socia fondatrice dell’Associazione Bruno Munari. Progetta e conduce laboratori di educazione al pensiero progettuale creativo, e dirige l’unica fattoria didattica Metodo Munari®. Alberto Munari, figlio di Bruno Munari, è psicologo ed epistemologo, specialista dei processi di apprendimento, Professor Emeritus dell’Università di Ginevra e professore ordinario presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Padova. Fu allievo diretto e collaboratore del famoso psicologo svizzero Jean Piaget.


Lingua:  italiano

Rilegatura:  brossura

Pagine:  84

Base:  14.5

Altezza:  21.0

Prima Edizione:  2008