Tacet in Concert

24,00 €

Primo libro d'artista di Ari Benjamin Meyers, Tacet in Concert è stato concepito come capitolo finale di un progetto in tre parti, e completa il percorso iniziato con le due mostre personali di Meyers: Tacet In Concert. Molto diverse per contenuto e presentazione, le due mostre si sono tenute quasi consecutivamente nel corso del 2019, la prima a Kasseler Kunstverein e l'altra presso OGR Torino.

 

In Tacet sono stati esposti una serie di lavori recenti dell'artista – come spartiti, oggetti e objet trouvé – e per l'intera durata della mostra un unico performer chiamato “l'archivista” ha registrato le proprie riflessioni e quelle dei visitatori, interagendo con il pubblico in base alle indicazioni di Meyers e reinterpretando alcune delle performance. Come suggerisce il titolo, cosa abbastanza insolita per Ari Benjamin Meyers, la mostra si è svolta per lo più in silenzio.

 

Durante le sei settimane di In Concert, un gruppo costituito da otto performer, con una scenografia appositamente progettata, ha dato vita a una meta-composizione, dove sette opere di Meyers si intrecciano tra loro in modo inedito. Per tutta la durata, gli interpreti sono apparsi in configurazioni e esecuzioni in costante evoluzione.

 

Il libro nasce dalla documentazione di queste due mostre, ciascuna concepita in modo ancora diverso. Tacet è raccontata attraverso un lungo saggio scritto in forma di diario da Jörn Schafaff – l'archivista – e potrebbe essere il primo resoconto di una mostra fatto da un teorico dell'arte (in incognito) che è stato testimone diretto di ogni momento lo spettacolo. In Concert, invece, viene raccontata fugacemente attraverso le fotografie di Andrea Rossetti, scattate a OGR nell'arco di tre giorni.

 

Arricchiscono il volume i saggi di Nicola Ricciardi, dei curatori Judith Waldmann e Valentina Lacinio e della neuroscienziata…

Read more

isbn:  9788875707613

Lingua:  inglese

Rilegatura:  cartonato

Pagine:  112

Base:  21

Altezza:  27

Prima Edizione:  2019